giovedì 3 luglio 2008

ORE 18.30 s'è rotto il tavolo ...(della trattativa)


11 commenti:

Anonimo ha detto...

OOOpsss! Che peccato....Che peccato vedere quanto le parole facciano la differenza... che peccato vedere i genitori arrabbiati che se la prendono con le educatrici e, in parte giustificarli, perchè le informazioni (a cominciare dalle news del sito del comune) non sono corrette...che peccato vedere le colleghe volontarie lavorare in condizioni disperate...che peccato vedere le colleghe in protesta "cedere" ...ma adesso basta con le amare riflessioni, passiamo ai fatti e alle parole: scrivere" concluso l'incontro" non è proprio come dire "s'è rotto il tavolo"....."l'Amministrazione riafferma la continuità e la qualità del servizio" con tutti quei bei numerini di servizi "funzionanti" contraddice in pieno quello che sta realmente accadendo nei nidi e nelle scuole: genitori "incazzati" che dovete lasciare il lavoro per andare a riprendere vostro figlio perchè oggi (ma anche ieri e l'altro ieri ecc.) la scuola chiude prima oppure che al mattino lo lasciate a perfette estranee RIBADITE CON FORZA CHE QUESTA NON é CONTINUITA' E TANTO MENO QUALITA'!
Continuando nella lettura: " la proposta dell'Amministrazione è stata FIN DA SUBITO quella di ritirare gli ordini di servizio.." chi era con me in Bergognone (ed eravamo tante!) ha sentito esattamente il contrario...se non si riesce a coprire il servizio (....ma non funziona tutto regolarmente !?!?) con le precarie e le volontarie gli ordini di servizio rimangono per coprire, dove fosse necessario.E poi ancora: "purchè le educatrici si impegnassero VOLONTARIAMENTE a rispettare la TURNAZIONE PREVISTA..." cioè mi devo impegnare volontariamente a rispettare l'ordine di servizio?!?!...Ah si: "per garantire la continuità e la qualità del servizio".....quella che continua a essere "garantita" e "riaffermata" in questi giorni dall'Amministazione...infatti qualche riga più sotto leggo:"Nel frattempo la situazione nei nidi e nelle scuole negli ultimi due giorni è andata regolarizzandosi..." che strano, è vero che siamo educatrici e raccontiamo le favole...ma mi sembra "Il vestito nuovo dell'imperatore" : nessuno lo vede ma tutti lo ammirano!!!!!!!!!!!!ora vado in assemblea...dimenticavo:è da 20 anni che mi offro volontaria per il mese di luglio...

Anonimo ha detto...

Sono un genitore, il mio asilo nido funziona regolarmente anche se con meno personale (2 educatrici sono stati rasferiti a coprire altre sedi) e con più difficoltà.

Voglio fare sentire agli educatori in protesta tutta la mia stima e la mia solidarietà.

Fate bene a protestare perché i problemi di luglio sono solo la conclusione di un anno di difficoltà, carenza di personale, viavai di funzionari precarietà.

Laba ha detto...

Sono mamma di una bimba che frequenta la materna di via Parenzo.
Tutta la mia solidarietà alle educatrici.
L'unico appunto che mi sento di fare è che forse una protesta più condivisa con i genitori, anche semplicemente informando a voce, avrebbe permesso di fare fronte compatto.
Non è il nostro caso (le nostre educatrici ci hanno spiegato e sempre tenuto al corrente), ma mi rendo conto che molti genitori si scagliano contro il corpo insegnante perchè poco informati.
Al comune vorrei dire che è ora di smetterla di prenderci in giro: sono 3 giorni che promette di mandare personale aggiuntivo e sono 3 giorni che i nostri figli passano il pomeriggio con la funzionaria e le bidelle.

Antonino ha detto...

Mettere insieme tutto questo casino per 2 settimane (da aggiungere alle 42 dell'anno scolastico), per di più con un, a mio avviso, congruo "rimborso spese" mi pare profondamente stupido. Per di più visto che il vostro contratto nazionale prevede la possibilità di altre 4 settimane in aggiunta alle 42 per svolgere (cito dal post: "Attività ulteriori, rispetto a quelle definite nel calendario scolastico, possono essere previste a livello di ente, in sede di concertazione, per un periodo non superiore a quattro settimane.."). Non mi pare un atteggiamento serio. Vi state tirando la zappa sui piedi. E che zappa!!! Ma non lo capite? Evidentemente no. Le ferie sono più sante del santo natale!

Anonimo ha detto...

Oggi sono due settimane, domani saranno quattro, e col tempo avremo solo una settimana di ferie tutti. L'Italia diventerà un paese di stakanovisti! siete voi a non capire che questa è una lotta di PRINCIPIO, non di certo si fa un caos del genere per due settimane di lavoro in più!
Sarah

Anonimo ha detto...

Sono un genitore dellassociazione ChiedoAsilo.
Abbiamo pensato di organizzare una merenda di protesta in cui mostrare al Comune che genitori, bambini ed educatrici sono dala stessa parte: quella dei bambini.
Vediamoci tutti insieme:
martedì 8 luglio ore 17 ai giardini della Fondazione Catella via De Castilla(MM Gioia).
Vediamoci in tanti.
Simona Ranon

Cristina ha detto...

bella idea quella della merenda di protesta. Ho passato parola, speriamodiessere in tanti

Cinzia ha detto...

la nia solidarietà alle educatrici peccato che non tutti capiscano che non è una lotta per 2 settimane in più di ferie (forse non hanno figli che frequentano scuole materne comunali)ma per la qualità del servizio e il continuo menefreghismo del comune riguardo il problema scuole! brave continuate a lottare per i nostri bimbi che non sono pacchi postali, ma il nostro futuro!

Anonimo ha detto...

Salve a tutti sono un educatrice precaria del comune di Milano..vorrei rispondere a chi ha parlato di "Sante ferie.."mi dispiace che il messaggio non sia arrivato o che forse ci si informa poco prima di dare un giudizio cosi' poco carino...Premetto che essendo precaria io naturalmente non posso scegliere se lavorare o no poichè io devo farlo in ogni caso,questo lo sottolineo perchè nonostante cio' se potessi scegliere sarei comunque vicina a tutte il personale di ruolo che sta compiendo questa battaglia...mi unirei a loro perchè cio' che chiede l'amministrazione è incoerente con tutto cio'che in reatà è successo tutto quest'anno scolastico e di molti anni indietro..parlo della continuità tanto chiesta da tutti loro ...Ma quale continuità??Ogni anno al personale di ruolo si aggiunge nuovo personale precario che inserisce un gruppo di bambini che si trova poi a dover "abbandonare"nel migliore dei casi dopo un anno scolastico...ma in molti altri dopo soli 3 mesi...i bambini hanno un continuo cambio di "figure di riferimento"e molti sanno quanto sia importante per la loro crescita una figura a cui potersi riferire...Personale che comunque negli anni passati proprio nel mese di luglio è stato spostato in altre strutture per coprire buchi..ed il loro vuoto è stato "riempito"da personale mai incontrato prima dai bambini...Ma quale continuità??E quale qualità??Il personale educativo nel caso di malattia o assenze di altro genere non viene praticamente mai sostituito...tutte le educatrici offrono ore di servizio in piu' sovente nel corso dell'anno,in situazioni comunque dove non esiste rapporto numerico...ci si ritrova spesso in aula con un numero elevato di bambini in situazioni poco sicure..e la qualità??
Spero si arrivi presto ad una soluzione davvero sensata...

nayamah ha detto...

UN GRAZIE ENORME A TUTTE LE MAMME E PAPA' CHE HANNO COMPRESO A PIENO CHE TUTTO CIO' STA SUCCEDENDO è PERCHE' I LORO FIGLI A NOI EDUCATRICI/ORI, DI RUOLO O PRECARI CHE SIANO, STA A CUORE E NON è LA LOTTA PER 2 SETTIMANE DI LAVORO MA PER METTERE TUTTI AL CORRENTE CHE SE DURANTE L'ANNO EDUCATIVO, SIETE ADEGUATAMENTE AIUTATI A CRESCERE I VOSTRI FIGLI,CON PROFESSIONALITA' CON AMORE E RISPETTO, LO FACCIAMO PER AMORE DI QUESTA PROFESSIONE E NON PER SOLDI. PER AMORE DI PRECISIONE IO SONO DIPENDENTE DI QUESTO ENTE DA 29 ANNI ED IL MIO STIPENDIO è DI 1500 EURO. A DICEMBRE STIPENDIO E 13ESIMA SONO NELLA STESSA BUSTA PAGA, E QUESTO, PER CHI SA FAR DI CONTO, CI DETRAE UN SACCO DI DENARO. NON ABBIAMO LA 14ESIMA MA IL PREMIO DI PRODUTTIVITA' CHE CI VIENE EROGATO INDUE TRANCE E CHE VARIA SECONDO LE "PAGELLINE" COME SE FOSSIMO DELLE SCOLARETTE E SE PORTI LA MELA ALLA MAESTRA, SEI UNA BRAVA BAMBINA, SE NON HAI MELE MA RICHIESTE DI MATERIALI, SE FAI PRESENTE CHE CI SONO PERDITE NEI BAGNI, SE C'è L'AMIANTO NEI CONTROSOFFITTI SEI UNA BAMBINA CATTIVA ED ALLORA IL TUO PREMIO DI PRODUTTIVITS' VIENE DECURTATO, SE TI PERMETTI DI FARE UN FIGLIO, NN RISULTI PRESENTE IN SERVIZIO E QUINDI NON SEI UNA BRAVA BAMBINA, SE TI AMMALI, COME OGNI ESSERE UMANO NON SEI UNA BRAVA BAMBINA E QUINDI NIENTE SOLDINO SOTTO IL BICCHIERE.........MEDITATE CARI GENITORI, MEDITATE. NADIA

Anonimo ha detto...

Caro Antonino vorrei vedere te al mio posto se ti dicessero , a 3 giorni dalle ferie, che sei richiamato in servizio e non solo perdi le vacanze ma non sai dove lasciare i tuoi figli che ovviamente non hai iscritto ai centri estivi perchè dovresti essere in vacanza! Vedi di collegare le dita al cervello quando scrivi certe cazzate!