martedì 1 luglio 2008

Le poche insegnanti che questa mattina hanno accolto i vostri bambini ...

... come dicevo sono volontarie in tutti i sensi

SCUSATE ma tutte le insegnanti presenti alla Camera del lavoro ... anzichè nelle proprie scuole non ritengono corretto fare VOLONTARIATO per un amministrazione che dai genitori si è fatta pagare con anticipo ... per poi precettare gli insegnanti e non contemplare il compenso per il lavoro straordinario!!!

Dove sono finiti i soldi pagati in anticipo???

Dal forum dell'articolo a noi dedicato da ViviMilano

http://www.corriere.it/vivimilano/forum/vivimilano/Thread?forumid=16&postid=201975

emergono 2 Link

http://www.societacivile.it/blog/diario/madaffari.html

http://www.societacivile.it/primopiano/articoli_pp/madaffari.html

"Dirigente Responsabile della Direzione Centrale Famiglia " vi suona più familiare?
Scusate ma come si chiama il capo del settore che sta creando così tanto disagio?
Io non me lo ricordo ....

24 commenti:

Papa nervoso ha detto...

Questa Mattina le EDUCATRICI Hanno accolto i nostri bambini con molta professionalità e molto cuore hanno fatto un lavoro straordinario,(MAI VISTO IN UN ANNO DI NIDO CON LE ALTRE educatrici).
Comunque care educatrici (Termine non adeguato alle vostre capacita)avete scelto voi un lavoro cosi,nessuno vi ha obbligato e purtroppo offrite un servizio a bimbi e famiglie,potete avere tutte le ragioni del mondo e protestare ma ricordatevi che il vostro non è un lavoro qualunque ma per persone SPECIALI. Creare il disagio che avete creato voi non é corretto e da persone inteligenti perchè purtroppo chi fa delle scelte di lavoro le deve portare avanti fino in fondo e protestare ,ricordandosi che ci sono di mezzo bimbi che non arrivano a 3 anni e non Hanno fatto niente di male per meritarsi tutto cio perchè vedere stamani bimbi sperduti e che piangevano da matti perchè non conoscevano nessuno è stata una pugnalata al cuore.Questo ve lo scrive una che nella vita a fatto una scelta di lavoro e per garantire il funzionamento di nidi,scuole e ospedali passa notti e week-end lontano dalla famiglia (triste e incazzato)ricordandosi che il suo lavoro serve a non creare disagi a Famiglie che magari hanno già problemi.DI QUESTO NE SONO ORGOGLIOSO e le mie proteste nei confronti della mia azienda le faccio dopo aver fatto il mio dovere!!!!!
RIFLETTETE

walter ha detto...

al papà nervoso....mi trovi pienamente d'accordo con te! Stamattina ho portato mio figlio al nido\centro estivo accolto dalle volontarie con una professionalità decisamente superiore alle sue educatrici. Non discuto sulle motivazioni dell'agitazione ma mi aspettavo che a livello UMANO alcune dele sue educatrici fossero presenti almeno nelle prime ore per farli sentire meno spaesati! Battersi per una causa non vuol dire reare danno all'utente finale e neanche creare uno shock emotivo al bambino.

Papà solidale ha detto...

Mi rivolgo ai due papà che ho trovato, oltre che arroganti nella loro visione egocentrica del problema, anche maleducati(quando tacciano di scarsa professionalità una categoria intera).

Entrando nel merito ricordo a questi genitori che il cosiddetto "servizio alla comunità" può ed anzi DEVE essere interrotto quando chi lo fornisce ritiene leso un suo diritto.

Le insegnanti sono state letteralmente calpestate, così come il loro contratto nazionale di lavoro; tutto questo senza il minimo preavviso.
Ovviamente la faccenda è solo uno stupido tentativo politico per "ingraziarsi" una fascia elettorale. E a quanto pare c'è chi ci casca...

Decisioni del genere non si prendono unilateralmente dando per scontato che l'altra parte accetti in silenzio.

Le insegnanti fanno bene a "combattere" per i loro diritti e spero che un domani mio figlio incontri un docente che gli insegni a fare lo stesso quando dovrà difendere i suoi.

P.S.: giusto per farvelo notare il post sotto al quale avete commentato parla di tutt'altro...

luca2 ha detto...

Papa nervoso e Walter, state sbagliando su tutta la linea. Certi lavori sono sicuramente diversi dagli altri ma questo non significa che chi sceglie di farli deve essere sfruttato oltre la giusta misura. Anzi proprio per la loro importanza e delicatezza dovrebbero essere trattati con maggiore riguardo. Se, invece, chi dirige decide di approfittarsi delle educatrici che fanno con passione il loro lavoro, e' giusto che queste educatrici si ribellino e scioperino per porre un freno alla situazione. E vi ricordo che protestare senza creare disagio equivale a non protestare : chi direge ha un solo modo di ragionare : finche' i pecoroni lavorano va tutto bene.
Da parte vostra avrebbe dovuto esserci il pieno supporto verso chi aveva curato i vostri figli per tutto l'anno e una ferma protesta contro chi , pur essendo lautamente pagato con soldi pubblici , ha dimostrato totale INCAPACITA' di organizzare i centri estivi creando disagio a tutte le famiglie che hanno bisogno di questo servizio. Voi con i vostri figli avreste dovuto recarvi a palazzo marino e far valere i vostri diritto contro coloro che effettivamente ve li avevano negati. Inoltre , se papa nervoso ha votato la sua vita alla santita' , non puo' pretendere che lo facciano tutti e questo non toglie nulla alle capacita' e alla grande disponibilita' delle educatrici del comune di milano, ma al contrario dimostra ancora di piu' che chi dirige ed e' lautamente pagato, conosce un solo modo di far funzionare le cose : sfruttare i santi fregandosene di cio' che e' giusto e dovuto.
Forse sarebbe bene che anche tu capissi che queste cose vanno fermate perche' altrimenti anche i tuoi figli saranno costretti a votarsi alla santita'.

Anonimo ha detto...

Non sapevo che il "Papa" avesse dei figli ora... la frase "educatrici, termine non adatto alle vostre capacità" è offensiva di per sé, ma lo è ancora di più se detta da una persona che non distingue il verbo "avere" dalla preposizione semplice (ha e non "a"). Non capisco poi perché sia nervoso se ha trovato dove "parcheggiare" il bambino e con persone molto più competenti, nonostante la "pugnalata al cuore".
Uno che passa notti e weekend lontano dalla famiglia ci credo che è nervoso, ha bisogno di ferie!!!!!

Invidio fortemente la perspicacia del papà walter, che in due minuti di accoglienza ha rilevato una "PROFESSIONALITA' decisamente superiore". Qual è il segreto di tale spiccato sesto senso? Sono davvero incuriosita!
Mi sembra strano che in un clima professionale e disponibile un bambino viva uno shock emotivo!! ma queste professioniste sapranno sicuramente risolvere tutti gli shock genitori-figli, abbiate fede! loro fanno le magie, per questo vengono scelte dal comune!

Una Principiante della Vita

Elisa ha detto...

Nella discussione "Centri estivi materne e graduatorie nidi: una vergogna!" http://www.partecipami.it/?q=node/4757 in corso nel forum "Al Consiglio Comunale vorrei dire che..." di partecipaMi, oltre a tanti post di cittadini, segnalo gli interventi del Consigliere Comunale David Gentili e del Consigliere di Zona 4 Massimo Casiraghi.

paolo ha detto...

care educatrici, purtroppo, come sempre succede in questi casi, vi troverete tutti contro...
Credo sia necessario facciate di tutto, il più possibile, per far capire e conoscere bene le vostre ragioni. Io sono convinto della vostra buona fede.
Credo dobbiate partire, da subito, a pianificare una serie di iniziative per far conoscere alla popolazione del comune di milano tutto quello che c'è dietro il vostro malessere.
Non aspettate nulla dai media, dai giornali, dalle radio, perchè semplificano, e le ragioni non sono mai semplici da spiegare.
paolo

Martin ha detto...

Entrambe le parti sono in torto, avrebbero prima di tutto, e senza aspettare strumentalmente l' ultimo momento, informarci di quali fossero le ragioni dell' uno e dell' altro.
Per come sono state fatte le cose non posso che essere arrabbiato con entrambe le parti che hanno deciso di sfruttare ad arte la mia posizione di utente del servizio in stato di necessità.
Almeno l' ATM quando sciopera lo fa con delle regole. Qui si sono strafregati degli utenti mettendoli in mezzo.
Si pregano infine i vari insegnanti di italiano di astenersi dal fare commenti e se non hanno niente da fare di andarlo a fare da un altra parte.

paolo ha detto...

beh, alla scuola di via villani (zona maciachini) è da tempo che le educatrici ci informano di un grande malessere.
Un malessere che vivono in prima persona, nel causare disagio ai bambini, ai genitori.
Ci stanno male prima di tutto loro! Ma non possono farsi calpestare!

Anonimo ha detto...

Scrive martin:
"Almeno l' ATM quando sciopera lo fa con delle regole. Qui si sono strafregati degli utenti mettendoli in mezzo"

Informati bene, le insegnanti non stanno facendo sciopero, ma sono in ASSEMBLEA SINDACALE PERMANENTE. Avevano avvisato con dei cartelli, salvo l'ordine di toglierli venuto dall'alto... forse non vi rendete conto che questa DITTATURA domani riguarderà anche martin e tutti gli altri cittadini di questo paese.
Riguardo l'ironia sul commentare gli errori grammaticali, finché ci sarà qualche genitore che si sentirà in diritto di sindacare la professionalità di un educatore in base alla presenza giornaliera e costante per assicurare baby-sitteraggio e non in base al proprio LAVORO DIDATTICO ANNUALE, esisterà altresì una improvvisata insegnante di italiano che farà notare le imperfezioni linguistiche.
Questo sottolineando che mi sono firmata "Principiante della Vita" e non Insegnante di Italiano, visto che non lo sono!!! Ma appunto resto stupita di fronte a tanta indifferenza nei confronti di una lotta legittima (c'è un contratto firmato o no??) e che col tempo riguarderà tutti ma proprio tutti noi!
Per cui.... della Vita non ho capito ancora niente :)


PdV

Papà nervoso ha detto...

Mi scuso per qualche errore di ortografia (CHE SUBITO QUALCHE SUPERIORE HA FATTO NOTARE) ma ho scritto dopo 12 ore di lavoro ed ero stanco.Noi non "parcheggiamo"nostra figlia ma usufruiamo di un servizio che in moltissimi centri funziona nel nostro non molto (HA DETTA DI MOLTI GENITORI)!!!!!Purtroppo dobbiamo usufruire di questo servizio perchè le spese sono tante e aumentano sempre e se non si lavora in due non si mangia!!!
Ci tengo a precisare che il mio lavoro e di tanti miei colleghi serve a garantire il funzionamento di enti comunali,privati e vi posso garantire che se scioperassi metterei in croce tante famiglie e lascerei vivere dei malati in condizioni non adeguate. Credo che abbia anche io il diritto di far valere i miei "diritti" ma senza mettere in difficolta tante persone che non lo meritano.
Per quanto riguarda le ferie purtroppo non so se le faremo perchè le stiamo bruciando a causa di tutti questi disagi. Alla Fine chi ci smena più di tutti sono i figli appena venuti al mondo che avrebbero bisogno di cambiare aria e che non Hanno fatto del male a nessuno!!!

Comunque di questi enormi disagi nessuna educatrice ne a mai parlato a suo tempo a noi genitori chiedendo un supporto,forse perchè esporre i loro problemi (Hanno solo 2 mesi di ferie estive più le chiusure di natale,pasqua ecc...)a famiglie che magari lavorano 8-10 ore al giorno con solo 15 gg di ferie e magari in modo precario e con un salario basso,si sarebbero sentito dare risposte non adeguate.
Mi scuso in anticipo con i professori per i miei errori di ortografia..

Anonimo ha detto...

Mi preme ribadire che questo non è uno SCIOPERO e che i genitori sanno da tempo del problema, tanto è vero che sono stati invitati ad una riunione per parlarne, perchè papa nervoso non leggi il blog dall'inizio? davvero non ne sapevate niente?
io so che nella scuola di una mia conoscente i genitori hanno sostenuto le insegnanti e non hanno portato i bambini a scuola: sono matti o arricchiti di colpo? non credo, erano informati e sapevano di che lotta si tratta.

Ripeto: domani toccherà a voi.
NON è UNO SCIOPERO.
MA ASSEMBLEA SINDACALE.

N.B. INFORMATEVI INFORMATEVI INFORMATEVI E GUARDATE IL TG3 LOMBARDIA!

Papa nervoso, non preoccuparti per le ferie, anche le insegnanti, con lo stipendio da fame che percepiscono, e con questa lotta che porteranno avanti in mezzo alla strada e al caldo fino a fine luglio, vedranno le ferie col cannocchiale :)

PdV

Anonimo ha detto...

Papa nervoso vieni in una classe di 30 bambini che urlano e strepitano per 6 ore al giorno, vediamo come te la cavi e vediamo se non senti il bisogno di due mesi di ferie :) tu avrai sicuramente una scrivania, un condizionatore, e non devi stare attento a 30 cuccioli che possono farsi male.. dai dai.. vieni a vedere come si sta.. e vediamo come torni a casa dopo quelle sei ore...

PdV

Anonimo ha detto...

Parlo da persona semi-counvolta, mia sorella è un educatrice(di quelle cattive secondo qualcuno visto che ha deciso di aderire alla protesta)Sicuramente molti potranno non credermi ma da sempre ho visto mia sorella dare il massimo per il suo lavoro,infatti molti sabati li ha trascorsi a casa per terminare lavoretti documentazione(visto che a scuola lei pensa solo ai bambini) e ovviamente quello è tutto lavoro non retribuito visto nonsi timbra nessun cartellino!!!! io le dico sempre che l'unica cosa salvabile del suo lavoro è il calendario scolastico (o quasi )visto che non è proprio uguale!!Cari genitori volevo ricordarvi cmq che una volta cresciuti in età scolare avrete gli stessi problemi(di "piazzare")i Figli e ameno di sconvolgimenti "governativi", non avrete nessuno contro cui poter sfogare le frustrazioni per l'abbandono delle "creature" nonostante le necessità!!!!Leggittime è ovvio!!!!Giusto per la cronaca io lavoro per una struttura sanitaria privata, anche a noi chiedono tanto come produttività e come ore in più ma vi assicuro che sono retribuite adeguadatamente!!!!!Dite la verità tutti quelli che dicono di lavorare più di 10 ore al giorno il vostro lavoro straordinario viene retribuito? magari non abbastanza ma cmq retribuito!!!!! O magari sieti liberi professionisti e scegliete voi gli orari e i compensi!!!!!Anche questo giustamente!!!!I vostri disagi e quelli dei bambini sono pienamente comprensibili solo non trovo assolutamente giusto che le proteste siano solo contro le Educatrici e non contro un' ammistrazione che vi ha presi in giro due volte!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!La prima prendendosi i soldi,per un lavoro che faranno svolgere "Gratuitamente" alle loro dipendenti e la seconda sottovalutando i disagi che qusta loro decisione arbitraria di "obbligare"le Educatrici a lavorare avrebbe prodotto un tale caos!!!!!!!!!!
Probabilmente nessuno di quei signori ha i problemi di voi genitori!!!!!!Provate a informarmi se qualcuno dei loro figli ha bisogno di frequentare gli asili comunali o peggio i centri estivi!!!!!!!!buona serata SORELLA SOLIDALE

Anonimo ha detto...

Forse nessuno di voi ha letto ancora questoil link collegatoal blog!!!!!!!!I cacciatori di teste di Letizia Moratti
Lo strano caso di Carmela Madaffari, manager pubblico cacciato dalla Asl di Locri, in Calabria (quella denunciata da Fortugno prima di essere ucciso). E arruolato a Milano dal sindaco che si vanta di essere manager


Saranno i giudici a decidere se il sindaco Letizia Moratti ha responsabilità penali nella storia dei consulenti e dei dirigenti del Comune di Milano arruolati nel quadro di uno spoil system quantomeno ruvido. Ma c’è un caso che, anche se non avesse alcun rilievo penale, è e resterà sconcertante: l’assunzione di Carmela Madaffari. Chi è? È una signora calabrese che non ha mai vissuto a Milano ma che è stata appositamente chiamata qui come responsabile della Direzione famiglia, scuola e politiche sociali del Comune. Retribuzione annua 217.130 euro.

Quali sono le capacità professionali che hanno reso la signora Madaffari indispensabile a Milano? La sua storia la raccontano in un libro (Milano da morire, Rizzoli) due giornalisti, Ferruccio Sansa, allora a Repubblica e ora al Secolo XIX, e Giuseppe Offeddu del Corriere. Mai smentiti. Scrivono che Madaffari è stata direttore generale di Asl, le aziende sanitarie locali, a Crotone, poi a Locri, infine a Lamezia Terme. Ed è stata cacciata due volte dai suoi incarichi per presunte irregolarità contabili e cattiva gestione. La prima, a Locri, perché aveva chiuso il bilancio 1998 della Asl con perdite per 22 miliardi e mezzo di lire, più un “fuori bilancio” di altri 31 miliardi. La spesa farmaceutica degli ultimi quattro mesi dell’anno era schizzata, sotto la sua direzione, a ben 12,3 miliardi di lire. “Portando la spesa media pro-capite a 263.133 lire, senza alcun riscontro con la media regionale e nazionale”, scrive l’assessorato regionale calabrese.

Nel 2005, viene cacciata anche dalla Asl di Lamezia Terme. Per “gravi inadempienze” e cattiva gestione, poiché aveva truccato i conti relativi al 2004. Tra l’altro, dai bilanci “risultano in servizio quattro primari, senza che vi siano le relative unità operative”: insomma, c’erano i primari, ma non i reparti. E i ricoveri ospedalieri erano stati gonfiati fino a superare, e di molto, la media regionale.
Non basta. Carmela Madaffari è anche oggetto di una pesantissima interrogazione presentata alla Regione Calabria da Francesco Fortugno, il medico e politico calabrese poi ucciso dalla ’ndrangheta nel 2005, che prima di morire aveva denunciato gli sprechi e le infiltrazioni mafiose della Asl di Locri. Fortugno cita Carmela Madaffari come uno dei “quattro cosiddetti manager” dell’Asl di Locri che hanno spinto il progetto, “illegittimo e inutile”, di “un doppione del Pronto Soccorso-Astanteria denominato Medicina d’urgenza-Astanteria”: per dare un posto da primario a un potente medico locale con potentissimi sponsor alle spalle. Sulla vicenda è ancora aperta una complessa indagine giudiziaria.

E lei, la signora Madaffari? Cacciata dalle Asl, nel 2006 viene candidata al Senato dall’Udc. Non viene eletta. Niente male: Letizia Moratti la chiama a Milano. Ma come l’ha trovata, il sindaco che si vanta di essere manager? Chi sono i suoi cacciatori di teste?

La Repubblica, 3 dicembre 2007
CHE SCHIFO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

fastommy ha detto...

Sono del tutto solidale con il papà Nervoso, Mentre reputo del tutto fuori luogo e di immane IGRORANZA l'Anonima che risponde a tono di insegnante la quale più che un essere umano, risulta essere un'automa o peggio un frullatore che riesce solo a tritare ....... Comunque, i risultati sono evidenti. Da una parte Educatrici, Sindacati e Comune dall'altra Bambini difesi dai propri genitori. Se qualcuno parla di diritti, in questo momento molto egoisticamente rivendica solo i propri.
Egregi Operatori,la vostra lecita e giusta protesta poteva essere fatta comunque anche legalmente, Magari con l'appoggio anche di noi Genitori.

fastommy ha detto...

Per quanto riguarda le proteste e le responsabilità del comune, sono sicuramente lecite e giuste ma bisogna agire non solo a parole.
Un gruppo gi genitori e il sottoscritto ieri hanno presentato un'esposto in tribunale alla procura della repubblica ed ogggi un esposto in questura per accertare che ci siano le condizioni minime nelle strutture per garantire la sicurezza ai bambini. Poi vedremo anche cosa fare contro le insegnanti. Penso che a questo punto è giusto che tutti si prendano le proprie responsabilità. Nessuno escluso!.

Anonimo ha detto...

Fast Tommy dice:
"Mentre reputo del tutto fuori luogo e di immane IGRORANZA l'Anonima che risponde a tono di insegnante".
In psicologia, anche se banale dirlo, si capisce che questa persona non ha trascorso piacevoli esperienze con gli insegnanti della sua vita, se nota atteggiamenti "da insegnanti" in correzioni grammaticali che avvengono ogni giorno su tutti i forum di internet da parte anche di semplici operai.. visto che l'italiano è in possesso di tutti.

Poi dice:
"Da una parte Educatrici, Sindacati e Comune dall'altra Bambini difesi dai propri genitori."
Avrei dei dubbi sul fatto che i genitori stiano difendendo i propri Bambini, più che altro stanno difendendo l'organizzazione della propria vita lavorativa. Resta netta e precisa la sensazione, da parte del figlio, come dice qualcuno qui sopra, di sentirsi un "pacco postale", inutile stare a giustificarsi, il senso di colpa del genitore in questo momento è molto forte, perché si rende conto di proiettare sul proprio figlio la difficoltà nel non sapere come sistemarlo dalle 8 alle 18.

Ultima frase che riporto:
"Poi vedremo anche cosa fare contro le insegnanti. Penso che a questo punto è giusto che tutti si prendano le proprie responsabilità. Nessuno escluso!."

Rispondo con due riflessioni. La prima è mia: ormai il popolo italiano è talmente preso dal proprio egoismo e portafoglio che ha perso il significato fondamentale della lotta per i propri diritti, e un giorno quei bambini, magari privi di questi diritti, sapranno che i loro genitori non hanno saputo difendere le loro maestre, portandosi dietro uno strascico di cui si renderanno conto troppo tardi.

La seconda riflessione non è mia, ma di un tale chiamato Giuseppe Fioroni, ex-ministro della Pubblica Istruzione, il quale venne in un paesino a parlare di scuola. Da una parte rammaricato per i tagli che i nostri politici ormai faranno sempre di più, dall'altra, rammaricato per quello che vedeva da parte dei genitori. Disse una frase che non ha bisogno di essere commentata:

"I genitori di oggi non sono più in grado di gestire l'educazione dei propri bambini, di conseguenza devono prendersela con le persone che sono a contatto con i loro figli, soprattutto gli insegnanti".

N. B. Non sono un'insegnante e non lo ripeto più. Ma osservo da alcuni giorni e sono triste per quello che vedo, compreso l'italiano che stiamo perdendo.


PdV

fastommy ha detto...

In psicologia, anche se banale dirlo, si capisce che questa persona non ha trascorso piacevoli esperienze con gli insegnanti della sua vita.

hahahah Che tristezza ! forse è la depressione che ti assale o il caldo torrido ?

In Risposta a....
Avrei dei dubbi sul fatto che i genitori stiano difendendo i propri Bambini.

La normalità sociale di una famiglia media è quella (purtroppo) di sacrificare gran parte della propria vita per mantenere la famiglia ma, non è una scelta!
Sembra che per Lei sia più opportuno salvare la Balena che mettere al mondo dei figli.
Il nostro tenore di vita non ci consente PURTROPPO di goderci i nostri figli.
Se devo (PARCHEGGIARLI) come Lei pensa, cerco di PARCHEGGIARLI dove possano sentirsi a proprio agio.

"I genitori di oggi non sono più in grado di gestire l'educazione dei propri bambini"

Un'affermazione del genere può essere fatta solo da chi genitore non è e non lo diventerà mai.
Facile emettere sentenze quando si è incapaci ! Almeno io ci provo !

Oltre l'italiano vedo che qualcuno ha perso anche il cervello !

fastommy ha detto...

PdV
Ma non hai nient'altro da fare nella vita che andare a correggere errori grammaticali sui Blog ?

E questo cosa indica psicologicamente parlando ??

Anonimo ha detto...

Intanto non sono mai stata offensiva, a differenza tua o Sua, a seconda di come preferisci/e, visto che prima mi dai del tu, poi del Lei. Fioroni è padre ed ha detto una santa verità.
Sei tu che non dialoghi con gli insegnanti dei tuoi figli e che non conosci la realtà difficile della scuola.
Sai cosa penso? che non dialoghi nemmeno con i tuoi figli. Da quanto tempo non gli racconti una storia mentre sono a letto?
Vuoi un consiglio? raccontagli la fiaba de "Il Piccolo Principe", o quella de "L'uccellino azzurro", così ti ricordi cosa significa essere bambino, perchè purtroppo tu lo hai scordato.
Non ho altro da fare che girare nei blog, è vero. Però sono educata e non mi rivolgo in maniera strafottente come evidentemente, in situazione di disagio, fai tu. Buona lettura ai tuoi piccoli :)
Quando poi hai finito con loro, leggi questo blog dall'inizio, non è difficile. Basta avere voglia di CAPIRE COSA STA SUCCEDENDO AL TUO PAESE.
E con questo spero di finire qui il dialogo tra sordi che stiamo instaurando.
Buona Vita.

PdV

Ciz ha detto...

non ho parole! da questi blog emerge veramente per certi genitori l'unica cosa importante è avere qualcuno che le tiene i figli dalle 8 alle 18 chi se ne frega come e in che condizioni, ma il figlio lo portate voi a scuola?????????? non vi siete mai accorti del sovra affollamento e delle classi smembrate durante l'anno scolastico?????? o queste cose non le vedete perchè l'importante è piazzarlo e basta??? Le educatrici hanno tirato avanti tutto l'anno in condizioni allucinanti per non creare disagi alle famiglie cosa hanno risolto???? di prendersela in quel posto.... quindi sono passati alle vie di fatto sopratttutto per la tutela dei diritti dei nostri figli piccoli.
Questo porta purtroppo disagi alle famiglie anche alla mia ovviamente, ma è solo sostenendole in questa lotta facendoci sentire possiamo cambiare qualcosa.
Sono stufa di vedere mia figlia in classi sovra affollate che non può fare determinate attività perchè manca personale.
Cmq il problema è arcinoto anche nella scuola di mia figlia......

nayamah ha detto...

VISTI BEN 22 COMMENTI NON SO SE QUALCUNO AVRA'LA PAZIENZA DI LEGGERE ANCHE IL MIO POST. TORNO ORA DALLA QUARTA GIORNATA DI LOTTA FATTA OGGI ALLA SEDE DELLA R.S.U. CIRCA 300 EDUCATRICI, I LORO FIGLI, I LORO MARITI E COMPAGNI, ERANO SOTTO QUESTO IMPLACABILE SOLE A FARE ANCORA UNA VOLTA CHIAREZZA SULLE DIFFICOLTA'CHE DOVRANNO AFFRONTARE, DATO CHE L'AMMINISTRAZIONE DI QUESTO COMUNE HA RIGETTATO OGNI PROPOSTA DELLE SIGLE SINDACALI. IO SONO UNA DELLE EDUCATRICI CHE CHE AVEVANO DATO LA PROPRIA DISPONIBILITA' PER IL MESE DI LUGLIO, E I GENITORI DEI MIEI BAMBINI E BAMBINE LO SAPEVANO. SAPEVANO ANCHE CHE IO CI SAREI STATA SOLO SE TUTTO FOSSE RIMASTO COME LOSCORSO ANNO, CON TANTO DI RECLUTAMENTO DEL PERSONALE CON LEGITTIMA CIRCOLARE AMMINISTRATIVA, QUI L'AMMINISTRAZIONE HA PENSATO FOSSE MEGLIO SPENDERE CARTA PER GLI ORDINI DI SERVIZIO ED IO AVENDO UNA CODANA BASSA SONO RIMASTA ESCLUSA PERCHE' SONO LA + VECCHIA DELLA MIA SCUOLA DELL'INFANZIA. ALZI OA MANO CHI DI TUTTI STI GENITORI LAVOREREBBE SENZA RETRIBUZIONE? VORREI PROPRIO VEDERE CHI SI ACCOLLEREBBE UNA PROFESSIONE COME LA NOSTRA E DOPO MESI, ANNI DI PEZZE CUCITE E RICUCITE SU QUESTA RETE STRAPPATA CHE SONO SERVIZI ALL'INFANZIA, SI VEDE PRECETTATA COME SOTTO NAIA!!!!!!!!MA AVETE IDEA DI QUANTE ORE GRATIS TUTTO IL PERSONALE EDUCATIVO "REGALA AI VOSTRI FIGLI" ? VI SIETE MAI CHIESTI COME MAI VEDETE LA STESSA EDUCATRICE SIA ALL'ENTRATA CHE QUANDO ANDATE A RIPRENDERE I VOSTRI FIGLI? AVETE MAI DOMANDATO LORO SE DOPO ORE ED ORE DI LAVORO GRATUITO, SONO FELICI FRESCHE E RILASSATE? NO,MAI!!!!!!! PERCHE' NOI PORTIAMO DISAGIO, NOI SIAMO LE PESSIME INSEGNANTI BEN SOSTITUITE DA EDUCATRICI DI COOPERATIVA CHE NN VI POSSONO DIRE CHE SONO IN 2 SU 50 BAMBINE E BAMBINI,PERCHE' LORO SOTTOPAGATE COME SONO, RISCHIANO IL POSTO,BENE VE LO DICO IO I TERMINI DI SICUREZZA IN CUI "PIAZZATE I VOSTRI FIGLI". 50 PICCOLI E DUE EDUCATRICI è 4 VOLTE IL RAPPORTO NUMERICO DI LEGGE!!!!!!! DI LEGGE!!!!!!! CAPITO?? INVECE DI STRPITARE E FARE EVOLUZIONI PINDALICHE DI PESSIMO GUSTO, VI FOSTE CHIESTI MA MIO FIGLIO è IN UNO STATO DI SICUREZZA, E PERDENDO MAGARI QUALCHE ORA DEL "VOSTRO PREZIOSO LAVORO" FOSTE ANDATI A CHIEDERE SPIEGAZIONI,ALLA RESPONSABILE DEL SERVIZIO,MAGARI UN SALTO IN VIA PORPORA COME TANTI GENITORI CHE AL CONTRARIO DI VOI HANNO CAPITO LA NOSTRA LOTTA E HANNO DENUNCIATO IL COMUNE. PRIMA DI PARLARE DELLA NOSTRA PROFESSIONALITA' E SPUTAR SENTENZE SUI DISAGI CHE VI ARRECHIAMO, CI DOMANDASTE PERCHE' SI ARRIVA A TANTO, FORSE TROVERESTE IL TEMPO PER ANDARE DA CHI DI DOVERE A LAMENTAQRVI, E NN SPUTARE NEL PIATTO IN CUI PER TUTTO L'ANNO EDUCATIVO, MANGIANO I VOSTRI FIGLI. NADIA

nayamah ha detto...

MA COME MAI NESSUNO, DICO NESSUNO TROVA IL TEMPO O IL CORAGGIO DI RISPONDERE AI MIEI POST, FORSE RIESCO A FAR CAPIRE ANCHE AI GENITORI CIO' CHE INSEGNO DA 29 ANNI ALLE BAMBINE ED AI BAMBINI, <<<"ILRISPETTO>>"