venerdì 27 giugno 2008

Non ci sono parole da aggiungere ...

Alla luce degli ultimi sviluppi circa la situazione dei Centri estivi dei Nidi e delle Scuole dell’Infanzia comunali, vi chiedo, in quanto rappresentante dei genitori e Presidente di Consiglio di scuola, la riapertura del dialogo con le educatrici al fine di giungere ad una soluzione accettabile per tutte le parti in causa.

Durante quest’ultimo anno scolastico ho ricevuto moltissime lamentele da parte dei genitori che vedono nella decisione di esternalizzare vari servizi (sostegno ai bambini disabili, mensa e pulizie) la causa del peggioramento del servizio.
E’ evidente a tutti come questo abbia avuto ripercussioni sulla mole di lavoro ricaduta sulle educatrici che hanno dovuto prestare servizio in condizioni a dir poco disagevoli.

L’essere arrivati a fine anno senza un “piano” per i Centri estivi se non la precettazione mette in imbarazzo gli utenti che, se da un lato si auspicano una serena e funzionante apertura del servizio, dall’altro non desiderano nel modo più assoluto che questo avvenga a scapito dei lavoratori della scuola.

I genitori percepiscono l’ingiustizia nel momento in cui non vengono riconosciuti l’alto valore e la dedizione delle educatrici e degli educatori.

E terminare così l’anno scolastico è profondamente triste.

E’ per questi motivi che mi sento di sollecitare un vostro intervento volto a sanare nel modo più corretto la situazione.

6 commenti:

nayamah ha detto...

Carissimo genitore, sono Nadia la voce tonante al megafono nella manifestazione. Ti ringrazio di cuore della solidarieta'che stai dimostrando alle educatrici ed educatori in questo a dir poco drammatico momento che la SCUOLA milanese sta passando. Io posso solo dirti una mia opinione da vecchia guardia (29) anni di servizio, assunta nelperiodo socialista di questa giunta. ERANO DEI LADRI,SI SONO MANGIATI TUTTO QUELLO CHE POTEVANO MA BUONDIO, COME SI LAVBORAVA BENE !!!!!!!!!!! Ogni giorno ed in ogni occasione, le SCUOLE non avevano problemi ne' di fatiscenza, ne' di mancanza di corsi di aggiornamento, ne' di casini per il mese di luglio. Le scuole non chiedevano ai genitori pennarelli, fogli, colle ecc. tutto ci era dato dal nostro datore di lavoro. Ogni richiesta aveva una risposta, magari non totale come erano le nostre aspettative ma con il denaro pubblico, ad esempio col fantomatico DIRITTO ALLO STUDIO, potevamo acquistare gli arredi o i materassini per la nanna delle bambine e bambini piu' piccoli della scuola materna I MIEI DORMONO SU ASCIUGAMANI O COPERTE RIPIEGATE + VOLTE, perche' sono tre lunghi anni che abbiamo buttato al macero schifosissimi e puzzolenti materassi e quelle bambine e bambini, saranno loro un domani ad essere a capo di questa società,e manco sappiamo farli riposare in modo diverso dagli homless che stazionano alla stazione centrale. Credo che per ora possa bastare. Alla prossima problematica. Un saluto fraterno Nadia

Anonimo ha detto...

cara nayamah, anche quando c'era il fascismo si stava ancora meglio!

Anonimo ha detto...

..perchè non siamo ora sotto il fascismo?

Anonimo ha detto...

non credo proprio perchè altrimenti non ci sarebbero stati tutti questi scioperi!!!

Perla ha detto...

Ma si facciamo un bel brindisi a base di olio di Ricino ... viva il Duce ...!!! Ora Palazzo Marino si risparmia pure i soldi dell'olio di ricino per pagare i viaggi in Messico ecc... della Moioli ahahah

Anonimo ha detto...

SE CERTE RISPOSTE DOVESSERO ESSERE COMMENTATE CREDO CHE NON BASTEREBBERO TUTTE LE PAROLE DELLO ZINGARELLI. MI VERGOGNO DI ESSERE CONCITTADINA DI CHI ANCORA NON CAPISCE NULLA DEI PROPRI FIGLI, MI SPIACE IMMENSAMENTE PER QUELLE BAMBINE E BAMBINI. SPERO CHE ALMENO LORO UN DOMANI POSSANO ESSERE CITTADINI DI UNA CITTA' SOLIDALE E NON COSì EGOISTA.NADIA